Facciamo l’Action Plan dei Compiti delle Vacanze?

Vi spaventano tutti i compiti dati ai vostri figli? Organizzandoli sarà più semplice e meno stressante.

In una società che ci travolge dalla frenesia e dagli impegni è fondamentale essere organizzati, ecco perché tutte le imprese (dalle piccole alle più grandi) redigono un Business Plan prima di intraprendere qualsiasi attività.

Come disse il mio docente di Marketing e Management, Prof. Antonio Pelliccia, IL FUTURO NON SI PREVEDE, SI PROGRAMMA!

Solo attraverso una semplice pianificazione del proprio tempo, avendo ben chiari gli obiettivi, la strada per il successo diventa meno complicata di quanto inizialmente avevamo immaginato.

Applicare questa piccola regola anche alla vita dei nostri figli, senza per questo dover redigere un piano di battaglia che non li farebbe respirare un solo giorno, può essere utile per passare delle vacanze serene, senza ansia e con le incombenze scolastiche ben gestite.

Con questo articolo non voglio affrontare il problema del “è giusto o no dare i compiti durante le vacanze”, ma, visto che al momento i compiti ci sono, mi piacerebbe suggerirvi una piccola strategia o trucchetto che possa permettere ai vostri figli e a voi di non impazzire dietro ai libri.

La paternità di questo articolo nasce involontariamente e inconsapevolmente da un docente della scuola secondaria.

Recentemente infatti ho saputo che alcuni studenti di seconda media hanno ricevuto dal loro professore di matematica, le consuete indicazioni per il ripasso estivo. Per prima cosa il professore si è fatto consegnare una chiavetta usb da tutti gli alunni dove ha caricato un file in pdf con gli esercizi da svolgere e una prima pagina con 9 consigli utili per pianificare i compiti di matematica.

Qui accanto trovate il documento che indica, passo dopo passo, come poter affrontare questa incombenza riuscendo a vivere il periodo di vacanza come tale deve essere, in serenità con la propria famiglia.

Per sottolineare alcuni punti che penso possano essere replicati per qualsiasi materia:

  • Non serve farli tutti a giugno, a settembre potresti aver dimenticato molte cose!
  • Non serve farli nella settimana che precede l’inizio della scuola, ti stancheresti inutilmente!
  • Cancella tre settimane intere in cui sai che la tua famiglia si riunisce al completo per le ferie (è necessario che quelle siano vere “vacanze”, non rovinate dai tuoi compiti!)

Proseguendo con una gestione delle restanti settimane in modo da poter dividere materie, argomenti e n. di pagine da eseguire senza per questo dover rinunciare a tempo libero, divertimento e affetti familiari.

Insomma fare l’Action Plan o Pianificazione dei compiti delle vacanze è utile a tutti, evita lo spreco di tempo, annulla lo stress e permette di avere sotto controllo quello che si sta facendo. Perché, certamente è importante organizzarsi, ma allo stesso tempo è bene VERIFICARE cosa si è fatto, come e quali risultati ho ottenuto (utile nel lavoro, a scuola e a casa).

Quindi calendario alla mano, cancelliamo i giorni NO COMPITI e

iniziamo a fare una bella programmazione da appendere in cameretta!

Si può fare? Proviamo!

 

 

 

 Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *